fbpx

The Designer

Paola D’Onofrio fin da piccola era affascinata dai disegni di moda e dai tessuti preziosi.
Non le interessavano i giochi tipici dell’età, ma grazie alla sua mamma Mary sarta di alta moda, capisce da subito cosa sarebbe voluta diventare da grande. Sempre accompagnata dalla sua mamma maestra e musa ispiratrice, inizia a lavorare nel mondo dell’alta moda creando abiti con i tessuti e i ricami più ricercati per l’epoca. Non si accontenta del lusso ma è sempre alla ricerca dell’unicità.

A 30 anni il suo nome è già riconosciuto in tutto il mondo. I suoi abiti da sposa rappresentano femminilità, fascino e sensualità. Le prime scollature, i tessuti luccicanti, l’esasperazione dei volumi e la ricchezza dei materiali, ricordano quelli delle principesse delle favole. Furono creazioni avanguardiste, totalmente rivoluzionarie per gli anni 80 considerando che fino a quel momento l’abito da sposa era molto più casto e monacale.

Il successo nel mondo del lusso nel settore sposa continua a crescere fino al 1990, anno in cui si conquista il diritto di sfilare a SposaItalia a Milano, luogo d’incontro dei grandi buyer internazionali. Da quel momento il brand Paola D’Onofrio spicca il volo conquistando anche copertine di Vogue.
Nel 1997 fece il suo esordio nell’alta moda romana con Marta Marzotto come testimonial delle sue creazioni.

Nonostante tutti i successi, Paola D’Onofrio è sempre immersa nella sua creatività, pronta a realizzare abiti unici curando ogni minimo dettaglio e valorizzando l’eccellenza italiana che ancora oggi è riconosciuta in tutto il mondo.

"Se dovessi descrivere le caratteristiche che rappresentano le mie collezioni questo abito le impersonifica alla perfezione"

Paola D'Onofrio

Riproduci video